venerdì 25 dicembre 2009

Cartoline Natalizie: NUMERO 6

Dopo Bob Dylan, Bing Crosby e la Coca Cola, anche il vostro Hurricane ci prova con lo spirito di Natale!
Sei cartoline natalizie. Una al giorno, fino al 25 dicembre.

giovedì 24 dicembre 2009

Cartoline Natalizie: NUMERO 5

Dopo Bob Dylan, Bing Crosby e la Coca Cola, anche il vostro Hurricane ci prova con lo spirito di Natale!
Sei cartoline natalizie. Una al giorno, fino al 25 dicembre.

mercoledì 23 dicembre 2009

Cartoline Natalizie: NUMERO 4

Dopo Bob Dylan, Bing Crosby e la Coca Cola, anche il vostro Hurricane ci prova con lo spirito di Natale!
Sei cartoline natalizie. Una al giorno, fino al 25 dicembre.

martedì 22 dicembre 2009

Cartoline Natalizie: NUMERO 3

Dopo Bob Dylan, Bing Crosby e la Coca Cola, anche il vostro Hurricane ci prova con lo spirito di Natale!
Sei cartoline natalizie. Una al giorno, fino al 25 dicembre.

lunedì 21 dicembre 2009

Cartoline Natalizie: NUMERO 2

Dopo Bob Dylan, Bing Crosby e la Coca Cola, anche il vostro Hurricane ci prova con lo spirito di Natale!
Sei cartoline natalizie. Una al giorno, fino al 25 dicembre.

domenica 20 dicembre 2009

Cartoline Natalizie: NUMERO 1

Dopo Bob Dylan, Bing Crosby e la Coca Cola , anche il vostro Hurricane ci prova con lo spirito di Natale!
Sei cartoline natalizie. Una al giorno, fino al 25 dicembre.

sabato 19 dicembre 2009

Le Cartoline Natalizie di Frigidaire!

Oggi, in tutte le edicole, sulle pagine di Frigidaire/Liberazione, e molto presto qui su "Processate le Visioni" .
Una al giorno, fino a Natale.

venerdì 18 dicembre 2009

Cronache per Tubi Catodici: PUNTATA 10

Puntata numero dieci (ULTIMA): "Un sistema che fallisce"

Cronache per Tubi Catodici: Dal 10 dicembre, per 10 giorni consecutivi, Hurricane Ivan fa a pezzi la televisione!

Cronache per Tubi Catodici: PUNTATA 9

Puntata numero nove: "Fiction"

Cronache per Tubi Catodici: Dal 10 dicembre, per 10 giorni consecutivi, Hurricane Ivan fa a pezzi la televisione!

giovedì 17 dicembre 2009

Cronache per Tubi Catodici: PUNTATA 8

Puntata numero otto: "Lezioni di anatomia"

Cronache per Tubi Catodici: Dal 10 dicembre, per 10 giorni consecutivi, Hurricane Ivan fa a pezzi la televisione!

mercoledì 16 dicembre 2009

Cronache per Tubi Catodici: PUNTATA 7

Puntata numero sette: "Mr. Bojangles"

Cronache per Tubi Catodici: Dal 10 dicembre, per 10 giorni consecutivi, Hurricane Ivan fa a pezzi la televisione!

martedì 15 dicembre 2009

Cronache per Tubi Catodici: PUNTATA 6

Puntata numero sei: "Happy Days"

Cronache per Tubi Catodici: Dal 10 dicembre, per 10 giorni consecutivi, Hurricane Ivan fa a pezzi la televisione!

lunedì 14 dicembre 2009

Cronache per Tubi Catodici: PUNTATA 5

Puntata numero cinque: "Lenny Bruce, Lenny Bruce"

Cronache per Tubi Catodici: Dal 10 dicembre, per 10 giorni consecutivi, Hurricane Ivan fa a pezzi la televisione!

domenica 13 dicembre 2009

Cronache per Tubi Catodici: PUNTATA 4

Puntata numero quattro: "Poltergeist!"

Cronache per Tubi Catodici: Dal 10 dicembre, per 10 giorni consecutivi, Hurricane Ivan fa a pezzi la televisione!

sabato 12 dicembre 2009

Cronache per Tubi Catodici: PUNTATA 3

Puntata numero tre: "La vita come una sit-com?"

Cronache per Tubi Catodici: Dal 10 dicembre, per 10 giorni consecutivi, Hurricane Ivan fa a pezzi la televisione!

venerdì 11 dicembre 2009

Cronache per Tubi Catodici: PUNTATA 2

Puntata numero due: "Telenovelas"

Cronache per Tubi Catodici: Dal 10 dicembre, per 10 giorni consecutivi, Hurricane Ivan fa a pezzi la televisione!

giovedì 10 dicembre 2009

Cronache per Tubi Catodici: PUNTATA 1

Puntata numero uno: "Rischiatutto!"

Cronache per Tubi Catodici: Dal 10 dicembre, per 10 giorni consecutivi, Hurricane Ivan fa a pezzi la televisione!

mercoledì 9 dicembre 2009

Cronache per Tubi Catodici!

Da domani, per 10 giorni consecutivi, in onda su queste frequenze.
Hurricane Ivan fa a pezzi la televisione!

giovedì 3 dicembre 2009

HAMELIN Live @ Metissage!

Proseguono i bagordi.
Domani sera, venerdì 4 dicembre 2009 dalle 22.00, un nuovo LIVE degli Hamelin al Circolo Arci Metissage di Milano.

L'assetto è sempre lo stesso:
Francesca Tuzzi: ugola
Hurricane Ivan: basso, parole e armonica a bocca
Om Sharan Salafia: chitarre, musiche e riti indu
Guido Scarpa: organo hammond, pianoforte e wurlitzer
Alberto Luongo: batteria e cori da mercato rionale
----------------------------------------------------
CIRCOLO ARCI METISSAGE
Via Borsieri 2 - entrata da Via De Castilla di fronte al n° 8
Quartiere IsolaMilano

DALLE ORE 22.00
HAMELIN LIVE!
apre il concerto: LA FONDERIE

Come raggiungere il Metissage:
FS Stazione Garibaldi PASSANTE FERROVIARIO fermata Garibaldi
METRO Linea 2 fermate Garibaldi - GioiaTRAM Linee 7 - 11

mercoledì 25 novembre 2009

Hamelin LIVE!

Ciò che vedete sono le copertine che ho realizzato per "Nella Casa" e "La Voce del Padrone", gli ultimi due singoli completamente autoprodotti dalla mia band, gli Hamelin. Testi miei, musica di Om Sharan Salafia.
Si tratta di due pezzi caciaroni, devoti alle lezioni di Jerry Lee Lewis e della Chess Records.
Il sottoscritto ci suona il basso, scrive le parole e cura tutta la grafica. Alla voce c'è Francesca Tuzzi, Om Sharan Salafia alle chitarre elettriche e ai cori , Guido Scarpa al pianoforte e al wurlitzer e Alberto Luongo alla batteria e alle urla da mercato rionale.

Entrambe le canzoni sono contenute in un unico CD, alla modica cifra di 3€.
Chi volesse acquistarne una copia, garantendo così un sussidio minimo alle nostre personalità dissociate, contatti pure l'indirizzo: hamelinband@gmail.com

Il cd, assieme a tutto il nostro repertorio di inediti, verrà presentato in anteprima ufficiale in questi giorni in occasione di due imminenti concerti per la gioia delle vostre palpitanti orecchie. La prima apparizione sarà qui a Milano, al Legend54, la seconda al Meeting delle Etichette Indipendenti che si terrà dal 27 al 29 novembre a Faenza.

ECCO LE DATE:
Giovedì 26 Novembre 2009
ore 23.30
V.le E. Fermi 98, Angolo via Sbarbaro, Milano
(autostrada Milano-Meda)
HAMELIN LIVE!
Aprono il concerto: Propano, Stay Tuned, Monitor Plastico.
--------------------------------------------
Domenica 29 Novembre 2009
ore 12.00
Tenda M, palco B
Faenza
.

lunedì 16 novembre 2009

Aztrokitifk & Mario si danno al Crimine!



Dopo aver preso calci nel culo da ogni network televisivo, corrotto la giuria ai Nastri d'Argento, aver fatto da tappetino a registi senza scrupoli, ed essersi vaccinati per la H1N1, i nostri eroi si sono ufficialmente arresi all'evidenza più bieca e si sono fatti portavoce della condivisione globale.
Ed è proprio grazie al loro disastroso fallimento commerciale che, DA OGGI sugli schermi di "Processate le Visioni", è stato messo in onda anche il secondo e ultimo episodio pilota della serie.

Si intitola "Aztrokitifk & Mario si danno al Crimine!" ed è l'ultimo fallimentare tentativo della coppia per sbarcare il lunario nel tubo catodico. Spese pantagrueliche, riprese pirotecniche, chirurgia plastica per le deformazioni congenite di Aztrokitifk, persino una segretaria: il risultato fu un flop commerciale di doppia portata. Terminate le riprese, lo staff di lavorazione si prese a schiaffi e tutto venne lasciato in pasto agli spot pubblicitari.
In quanto alla coppia, Aztrokitifk tornò a suonare l'ukulele alla clinica di disintossicazione di Santa Monica mentre Mario, finalmente, riprese a rapinare banche con la sua vecchia banda di morti in piedi

CREDITS
Personaggi inventati da Ivan Manuppelli.
Regia: Ivan Manuppelli e Gianluca Lo Presti.
Soggetto e Sceneggiatura: Ivan Manuppelli.
Animazioni: Gianluca Lo Presti, Federico Della Putta, Davide Scali, Marco Falatti.
Pupazzi: Marco Falatti e Gianluca Lo Presti.
Scenografie: Ettore Tripodi, Giulio Masotti (con l'aiuto di Lorenzo Nunzella e Alessandro Ferrari)
Post-Produzione: Adriano Macchitella, Gianluca Lo Presti
Management: Erica Brunetti
Musiche: Davide "Frank" Incorvaia, eseguite dai MILANOANS (dixieland jazz band)
Voci: Ettore Colombo (Aztrokitifk) , Alberto Luongo (Mario, speaker)
La sigla "Aztrokitifk & Mario Suite" è stata composta da Omsharan Salafia, con il contributo di Angelo Astore; eseguita dai MILANOANS feat. Omsharan Salafia alla chitarra, Davide Incorvaia all'organo e Gak Sato al theremin.
Produzione: Mamma Fotogramma.
.

sabato 14 novembre 2009

Giù le mani da Frigolandia! PARTE 2

Proseguono i biechi tentativi del sindaco di Giano dell'Umbria Paolo Morbidoni per smantellare Frigolandia, terra dei cervelli liberi, sede della rivista Frigidaire e dell'unico Museo dell'Arte Maivista.

Il Comune di Giano ha fissato al 26 novembre 2009 il giorno ultimo per il suo attacco a Frigolandia. In quella data, intima un recente atto giudiziario tanto provocatorio quanto immotivato, Frigolandia rischia di chiudere i battenti per sempre.
Non lasciamo che l'arte venga condizionata da pallidi dirigenti di partito!
Sosteniamo Frigolandia!

Ecco quanto scrive Vincenzo Sparagna:

"Frigolandia (letteralmente la “terra della rivista Frigidaire”) è un centro di arte e comunicazione nazionale ed internazionale, la Prima Repubblica Marinara di Montagna, Città-Museo-Laboratorio dell’Arte Maivista, luogo di ricerca, studio e produzione artistica ed editoriale. Frigolandia si trova all’interno del parco de La Colonia, regolarmente preso in concessione nel 2005 dal Comune di Giano dell’Umbria in seguito all’accettazione integrale dei termini di un bando pubblico andato in precedenza più volte deserto. Gli edifici esistenti nel parco (una ex colonia di balilla) sono stati restaurati a spese di Frigolandia, senza alcun sostegno pubblico, con la partecipazione di centinaia di giovani volontari. E’ stato anche trasferito da Roma a Giano dell’Umbria l’intero archivio di disegni, quadri, sculture, libri, riviste, fotografie ecc. della rivista Frigidaire, realizzando sul posto mobili d’arte e strutture lignee speciali per gli archivi, la Sala-Museo ecc. Complessivamente dall’inaugurazione del 25 aprile 2006 ad oggi hanno visitato e spesso prestato la loro opera a Frigolandia oltre cinquemila persone provenienti da tutte le regioni italiane, ma anche da molti paesi europei ed extraeuropei.Per difendere l’esistenza di questo importante centro di cultura;per non disperdere un patrimonio di opere e documenti preziosi;per riaffermare la libertà di stampa e la indipendenza della rivista Frigidaire;facciamo appello alle autorità politiche locali, provinciali, regionali e nazionali, perché interrompano ogni azione ostile e sostengano e incoraggino Frigolandia.In particolare chiediamo che venga subito chiusa la pratica di sfratto “per morosità” aperta dalla giunta del Comune di Giano dell’Umbria che minaccia di provocare la dissoluzione fisica di Frigolandia e la perdita del mitico archivio di Frigidaire. Tra l’altro il motivo dello sfratto, ovvero i canoni annuali 2007 e 2008 scaduti, oltre ad essere sempre stati garantiti da una regolare fidejussione allegata al contratto, sono stati saldati il 16 ottobre 2009 per chiudere ogni equivoco e contenzioso. Primi firmatari: Prof. Alessandra Lavagnino (Preside della Facoltà di Mediazione Linguistica e Culturale dell’Università Statale di Milano); Prof. Luigi Lombardi Vallauri (Ordinario di Filosofia del Diritto all’Università di Firenze); Prof. Oliviero Diliberto (Segretario nazionale PdCI e ordinario di Diritto romano presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università La Sapienza di Roma); Jacopo Venier (Responsabile Esteri del PdCI e direttore di PdCI tv); Francesco Venturi (Ex sindaco del PD di Castel Ritaldi); Piero Fabbri (Ex Difensore Civico dei comuni di Foligno e Campello); Alessandro Pacini (Capogruppo di Rifondazione Comunista al Comune di Foligno); Ivano Bruschi (Capogruppo di Sinistra e Libertà al Comune di Foligno); Sauro Di Sante (Architetto. Spoleto); Giovanni Curti (Architetto. Spoleto); Elisabetta Piccolotti (Assessore alla Cultura del Comune di Foligno); Ernesto De Matteis (Fotografo. Giano dell'Umbria).
Vi preghiamo di firmare questo appello e farlo firmare da più persone possibile. Fateci pervenire le adesioni tramite email all’indirizzo frigilandia@gmail.com, indicando nel messaggio il vostro nome, cognome, indirizzo e attività. L’appello verrà girato al Comune di Giano dell’Umbria per segnalare la gravità dell'iniziativa giudiziaria avviata contro di noi ed ancora in piedi nonostante il pagamento dei canoni scaduti sia già avvenuto. Chi, oltre ad aderire all’appello, volesse scrivere direttamente al comune può inviare un messaggio al sindaco di Giano dell’Umbria Paolo Morbidoni (paolomorbidoni@tin.it)."

giovedì 5 novembre 2009

Reportage da Lucca Comics 2009



Reportage approssimativo di Lucca Comics.
Emmeno vu' imparate a fa quarcosa, bucaioli!

In sintesi: viaggio con Emanuele Fossati, Marco Falatti e Puck il Nano incastrato tra i sedili posteriori. Ci si perde nella notte di venerdì, tra una nebbia transilvanica e un fiume di madonne piovute dal cielo. Ci si va a incastrare in una sperduta via a ridosso del mare, e non c'è anima viva che passi manco a pagarla con l'anima. "Via Buozzi", questo il nome della nostra tanto agoniata e irraggiungibile Mecca, sembra essere improvvisamente scomparsa da ogni buco di culo di cartina geografica. Alla fine la troviamo, ma è tardissimo.
In camera, come da copione, ci aspetta una certa Jessica, che è la ragazza che lavora all'albergo. Jessica, a dispetto del suo bellissimo nome da pornosoft, si rivela non essere quella bomba del sesso su cui abbiamo piacevolmente fantasticato per tutto il viaggio. Ci sistema in un bungalow che pare una cella frigorifera ed è subito blackout.

Lucca Comics la vediamo il giorno dopo. Le strade sono piene di Batman, spose cadavere, Jack Sparrow. Mi faccio strada a gomitate, sperando nel provvidenziale intervento di una Bomba H.

Rivedo Sergio Ponchione, parliamo del futuro di "PUCK!", e scopro che è stato premiato nella categoria "miglior fumetto seriale". Sono contento, e non mi meraviglierei se un giorno un produttore cinematografico prendesse in mano la sua Grotesque e ne facesse una nuova "Guerre Stellari". Propongo a Ponchione una sbronza per il lieto evento (perchè queste cose ti segnano, come avere fatto la guerra in Vietnam), ma lui deve partire. In compenso la sbronza arriva lo stesso, e precisamente all'arrivo una nuova femmina fatale, e tutto va in caciara come da copione.

Intanto le vendite di sabato riescono a fare impallidire il crack finanziario della Parmalat: tre copie vendute in tutta la giornata. Ci si perde nel traffico di Lucca e si cena da un fan di Frank Zappa.

Si cambia giorno e si cambia regime. Domenica le vendite vanno alla grande. Mi rendo conto che "PUCK!" è la Romania del fumetto italiano: non avendo una sede fissa diffondiamo il Verbo da venditori ambulanti, con tanto di carrozzina per attirare la pietà dei passanti. Per l'occasione assumiamo uno strillone, il Compagno Silvano Falatti, popolarissimo in Toscana. Silvano - un autentico showman vecchia maniera con la voce di un arrotino - è la chiave del successo: le vendite vanno oltre le aspettative, così che le speranze di un prossimo numero si fanno un po' più vicine. Alla serie di fortunati eventi si aggiungono le innate e straordinarie strategie di marketing di Alex Tirana e di Laca e del suo clan, che per le tasche del Nano si rivelano essere più provvidenziali di una Social Card.

Nelle poche pause rimaste propongo a Simone Lucciola di organizzare per il prossimo "CRACK!" al Forte Prenestino un live con le nostre band: gli Hamelin, i Blood 77, Lucho e tutti i cartoonist in grado di suonare qualcosa. L'idea di organizzare un Festival di San Remo decadente ci attira da tempo. Però, in compenso, tra le tante chiacchere, non riesco ad offrire neanche un caffè a Cristina Spanò, promessa fotoreporter.

Si torna a casa stanchi, nottambuli, con la testa che scoppia e il portafogli un po' più gonfio. Il Nano riscuote l'incasso e tutto riprende a funzionare secondo la norma.

p.s. Dimenticavo, come da consuetudine, la solita carrellata di persone che ogni volta rivedo con piacere: Simone Lucciola, Rocco Lombardi, Lucho Villani, Alex Tirana, Maurizio Rosenzweig, Paolo Bacilieri, Massimo Semerano, Vanessa Belardo, Cristina Spanò, la ragazza della mostra di Alan Ford, Salvo & la Alastor (che ci hanno ospitato), Ratigher, Maicol&Mirco, Dott. Pira, Malefico!, LRNZ, Tuono Pettinato, Igor Zovianof, Ciro Fanelli, Marco Corona, Giacomo Nanni, Nigraz, Michele Ginevra, Nicola Pesce, quelli di Comic Soon, i Cani, Armin Barducci e lo spettro di Monipodio che sempre aleggia (anche se lui non lo ammetterà mai), Massimo Giacon, Manuel De Carli (anche se non l'ho visto) e ciò che rimane di Self Comics.


venerdì 30 ottobre 2009

PUCK a Lucca Comics!


Ebbene sì, giovani e assatanate fans!
Anche "PUCK!" farà un salto a Lucca Comics, nelle giornate di sabato 31 ottobre e domenica 1 novembre 2009.
Saranno presenti, oltre al sottoscritto: l'autore di Dirty Bastard Emanuele Fossati, il videomaker Marco Falatti e - special guest star- il testimonial toscano Silvano Falatti.

Ma dove potete trovare il Nano?
Una domanda da non sottovalutare, perchè se ci cercate alla Self Area non ci troverete. E non perchè abbiamo iniziato a tirarcela, e a sfondarci di puttane e champagne a Palazzo Grazioli (cosa che comunque teniamo sempre in considerazione). Il motivo è molto più bieco: ci siamo mossi tardi, come da copione, così che trovare un posto nell'area indipendenti (dove "PUCK!" è ormai una delle realtà più longeve e apprezzate da critica e pubblico) era un po' come pretendere di prenotare gratis una stanza all'Hotel Hilton. Quindi, ciccia.

Ma non disperiamo. Saremo ospitati dalla ALASTOR, grazie al solito prezioso aiuto dell'amico Salvo. La nostra presenza sarà affiancata a quella di alcuni pezzi da novanta: Camuncoli, Burchielli, Van Sciver...
Per l'occasione, saranno messi in vendita tutti i numeri arretrati della rivista The Artist, il DVD dello spot promozionale in stop motion (sopra ne vedete la copertina) , i poster promozionali e - soprattutto- le poche copie rimaste di "PUCK!" - la rivista delle bassezze gratuite.

A questo proposito, ecco una nuova recensione di Marco Paolucci da Kathodik:

"Fiato alle trombe: nasce Puck! Il collettivo The Artist, che ha già gravitato nella “cybersfera” di Kathodik si presenta ai lettori con un corposo progetto nuovo di zecca. Raccoglie alcuni tra i migliori e più interessanti disegnatori italiani e materializza il progetto in un volume, il mitico numero uno che presenta alla vista e alla lettura parecchie squisitezze. A partire dalla doppia copertina di Sergio Ponchione, il collettivo riempie il bel tomo dei disegni di, tra gli altri, Kaz, Hunt Emerson, Bill Griffith, Maurizio Rosenzweig, Massimo Sembrano. Non contento di ciò, possiamo dire per fortuna, si imbarca in un’estenuante ed approfonditissima intervista allo scrittore americano Joe R. Lansdale, scambia quattro chiacchiere con Todd Schorr artista pop surrealist, con l’illustratore e musicista americano Gary Leib, l’editore underground americano e mistico Jay Kinney e il creatore del personaggio “Flaming Carriot” Bob Burden. Dedica inoltre, attraverso 30 disegnatori italiani, un sentito omaggio all’indimenticabile “uomo della linea” Osvaldo Cavandoli, il grande umorista italiano che rivive in una storia creata dalle matite di Leo Ortolani, Gino Gavioli, Bruno Bozzetto, Silver, Giorgio Rebuffi, Nedo Zanotti, Franco Origine, Ivan Manuppelli e altri. Per chiudere in bellezza aggiunge al piacevole e divertente intruglio le favole di Max Capa e gli interventi del Dottor Pira. Morale della favola: Puck! è un volume ben fatto, autoprodotto, da cercare con dedizione e leggere con attenzione. Dove? Chiedete a lagoladipuck@email.it"
.
Mettetevi una mano sul cuore e l'altra sul portafogli: "PUCK!" vi aspetta a Lucca!

martedì 27 ottobre 2009

Hurricane versus Rosenzweig!

Ho collaborato al nuovo libro di Maurizio Rosenzweig.

Si intitola "La Magnifica Ossessione", ed è un albo a fumetti allegato alla nuova uscita editoriale con protagonista Davide Golia: "L'amore Colpevole" , edito da BD.
A Lucca Comics lo troverete sicuramente, perciò buttateci un occhio della testa perchè ne vale la pena.

Rosenzweig mi ha ingaggiato per vestire i panni di Muffa, un giovane fumettaro obeso, disegnatore di robaccia underground e ossessionato dal valore artistico dell’espressione.

Ecco con quali istruzioni Rosenzweig mi ha chiamato a rapporto:

"Su quella tavola mi piacerebbe un diavolo che insidia una donna.una bionda, mi immagino.....O un robot....Hai presente la copertina censurata di Appetite for Destruction?Quella lì di Robert Williams....Un’atmosfera di quel tipo....però più cupa....col tuo stile insomma, tipo quello che hai quando racconti quelle atmosfere notturne che sembra che la luce del giorno non sia mai esistita....."

In sostanza, dentro "La Magnifica Ossessione" assisterete a un fumetto nel fumetto: il grosso della storia è scritto e disegnato da Rosenzweig, ma tutte le tavole disegnate da Muffa sono opera del sottoscritto.
Tra le pagine, oltre all'illustrazione che vedete qui sopra (e qui sotto) c'è anche una fugace apparizione del mio alter ego Jack, direttamente dalla serie "Groove" (pubblicata su "PUCK!" e "The Artist").


E questo per stanotte è tutto, gente!
Restate sintonizzati. Nuovi aggiornamenti da Puck il Nano vi attendono.

sabato 24 ottobre 2009

Intervista a fumetti a FRANCO TRINCALE!

Bentornati.
Questa che vedete qui sopra è l'intervista a fumetti a Franco Trincale, in uscita oggi in tutte le edicole sul quotidiano Liberazione, all'interno dell'inserto satirico Frigidaire #218 e alla modica cifra di 1 euro!
Qui sotto, invece, in esclusiva per i lettori di "Processate le Visioni", la VERSIONE INTEGRALE dell'intervista.

Per maggiori informazioni su Franco: www.trincale.com/ e trincale.splinder.com

INTERVISTA A FRANCO TRINCALE
(realizzata giovedì 15 ottobre 2009)

PUCK: Bene, Franco. Partiamo dalle origini. Le tue prime ballate non erano politiche, avevano un approccio diverso. Di che cosa trattavano queste canzoni, e come è nato il tuo impegno politico?

FRANCO TRINCALE: Andavo a scuola elementare con Pippo Baudo, che suonava l’organo. Il nostro insegnante era un prete, ma bravo. E io cantavo nelle chiese, con Pippo Baudo che mi accompagnava all’organo. Poi andavo a cantare anche dal barbiere, per intrattenere i clienti, perché allora funzionava così. Mio padre era già tesserato comunista, ma le mie prime esperienze canore erano lontane dall’impegno politico. Sì, cantavo Bandiera Rossa, ma non era la stessa cosa.
Fino a quando mi venne la voglia di scrivere qualche canzone sull’emigrazione verso il nord, come quella della moglie siciliana che parte per lavorare a Milano, nonostante il marito geloso, e poi torna in paese: si intitola “L’aria milanisa”…Era una ballata ironica, con molti doppi senso, che divertiva molto la gente.
Ma io inizialmente non pensavo di fare il cantante come mestiere, ma di imparare l’arte del barbiere o andarmene volontario in marina. E per farla breve a 16 anni mi arruolai in marina, e anche lì continuai a cantare. Però iniziavo già a capire la situazione sociale.
Pensa che una volta, a Brindisi, ero di guardia notturna alla nave. Non mi dimenticherò mai questo fatto. Eravamo in due a fare il turno, io e un altro piantone, e sapevo che in città c’era la “Festa dell’Unità”. Allora mi misi d’accordo con l’altra guardia per andarci. E quando vidi la piazza,e il palco con gli artisti che cantavano, mi venne una gran voglia di cantare. Mi ricordo che cantai una cosa come “O’sole mio”, niente di particolare. Arrivò la ronda dell’esercito, che mi scoprì, e mi fece rientrare punendomi con 21 giorni di “prigione di rigore”.
.
Inizialmente, la mia era solo passione per il canto. L’interesse politico maturò successivamente, quando lasciai la marina a 21 anni e mi sposai, e scelsi di fare il cantastorie. E cominciai a cantare le prime canzonette e a stampare i foglietti con i testi. Ma man mano che osservavo certe situazioni maturava in me un certo interesse politico e sociale.
Una delle mie prime ballate impegnate fu “Cantata di lupara”. Come sai, la lupara è il classico fucile siciliano adoperato dalla mafia…ora la lupara ha ceduto il posto al mitra, al tritolo: anche la mafia si adatta all’evoluzione (ride)…
“Cantata di lupara” trattava l’uccisione del sindacalista Salvatore Carnevale, durante l’occupazione delle terre. Era il ’47, il periodo della strage di Portella della Ginestra, durante la lotta dell’occupazione delle terre, quando si uccidevano i sindacalisti per scoraggiarli…

(Franco si mette a cantare, accompagnandosi con l'immancabile chitarra)

Ha cantato la lupara
n'altro morto ieri sira
era un gran lavuraturi
si chiamava Salvaturi.
Sutta un alberu agghiurnavu
come fossi che dormiva
nveci è stato assassinato
con due colpi di lupara.

La maturazione politica arrivò poco per volta, quando tornai dalla marina e dovetti scegliermi un lavoro. Il mestiere del barbiere non l’avevo imparato bene, e mi trovavo costretto a scegliere tra l’esperienza militare e quella di cantante. Tra la mitraglia e la chitarra, scelsi l’arma più democratica.
Iniziai ad avvicinarmi alle fabbriche, e a suonare per gli operai, come quelli dell’Alfa Romeo, durante le loro pause pranzo all’aperto. E piano piano iniziò a instaurarsi un rapporto con loro, che mi raccontavano le loro esperienze e i loro problemi, molti dei quali li vivevo sulla mia pelle, come la difficoltà nel trovare casa, o l’emigrazione verso il nord. E iniziai a inserire queste tematiche nelle mie canzoni.


PUCK: Ho rispolverato alcune tue vecchie ballate degli anni ’60, incise sotto etichetta discografica, e ho notato una diversità negli arrangiamenti.
Mi vengono in mente la chitarra solista nei due lati del 45 giri de
“La Tragedia dei Kennedy”, o la fisarmonica ne “La tragedia di Milena”.
Questa scelta di aggiungere strumenti di accompagnamento rispetto alla tradizionale voce/chitarra era una imposizione delle etichette discografiche, che non volevano un suono troppo scarno, o era la tua volontà artistica dell’epoca?

FRANCO TRINCALE: Quando venni a Milano, oltre a respirare il clima delle lotte operaie, mi avvicinai anche al mondo discografico con il mercato delle canzonette.
E fu proprio in uno dei miei incontri con gli operai che conobbi un cantante ambulante che vendeva le sue registrazioni su 45 giri di vinile. Ed erano dischi marchiati Fonola. Perché devi sapere che c’erano due “Fonola”: la "Phonola", con “ph”, che faceva le radio, e la “Fonola”, con la “f”, che si occupava delle canzonette. Il padrone della Fonola aveva escogitato questo trucco di fare uscire i dischi con le canzoni dei cantanti di San Remo, ma cantate da delle imitazioni dei cantanti originali.
Questo cantante ambulante mi disse che alla Fonola prendevano anche cantanti di strada, e così mi portò e mi fece conoscere al direttore, ed io gli piacqui e mi fece incidere la canzone “Uè, paesano”.

"Uè paisano" era il prototipo della canzone un po’ patetica, populista, che in America riscosse un grande successo grazie a un cantante italoamericano che si chiamava Nicola Paone. In America c’erano già le radio libere, e c’era tutto un sottomercato di canzoni alimentato da queste radio. I miei dischi vendevano bene in questo sottomercato americano, dove ero conosciuto.
Inizialmente non depositavo le mie canzoni, ma mi pagavano subito e finiva lì.
La Fonola aveva capito che potevo rendere bene economicamente, tant’è che quando mi chiamò una casa discografica concorrente della Fonola e mi propose un contratto, ed io parlai di questa questione con il direttore della Fonola stessa, lui pur di tenermi con sè me ne offrì il doppio.
Per la prima volta nella vita potei permettermi di comprare una lavatrice e pagare l’affitto.
Quando diventai più politicizzato, e alla Fonola questo aspetto interessava meno, io proposi questo compromesso: avrei comunque inciso le loro canzoni popolari, che gli avrebbero portato delle entrate economiche, ma a patto di pubblicare i miei dischi con le canzoni politiche.

Il direttore della Fonola chiamava gli orchestrali per arricchire, per rendere più fruibile l’operazione. Per questo che anche i miei primi pezzi politici incisi hanno degli arrangiamenti meno scarni, e ci sono ad esempio le fisarmoniche.
Il proprietario della Fonola era una persona onesta, il classico milanese dal cuore buono, e quando mi propose il rinnovo del contratto io gli controproposi di farmi dare un appartamento che all’epoca costava 7 milioni e 250 lire. Lui avrebbe comprato l’appartamento,e io gliel’avrei pagato nel tempo di 5 anni incidendo le mie canzoni. Per rispettare il patto al più presto soddisfai l’accordo nel giro di soli 3 anni, perché incidevo 5 o 6 canzoni al giorno! (ride). Non tutte erano delle ciambelle col buco, ma molti di quei pezzi vendettero molto in America, e fruttarono parecchio alla Fonola…
Comunque, tornando al discorso degli arrangiamenti, come tu sai non sempre un cantante che si accompagna con la chitarra rispetta il ritmo e la metrica. E questo era un casino, per chi doveva accompagnarmi. Per questo che suggerii di fare incidere prima gli orchestrali, e poi di registrare la mia voce e la mia chitarra sulla base.
Ma fai bene a sottolineare questo aspetto, perché molti vedono la mia scelta politica come qualcosa di opportunistico, come se mi fossi voluto appoggiare al PCI. Col cazzo! È il PCI che si è appoggiato a me (ride), perché io sono andato anche all’estero a fare campagna elettorale per loro. Ho tenuto legami con Enrico Berlinguer, ci siamo scritti e incontrati più volte. Berlinguer era un grand’uomo dal punto di vista dell’onestà, veramente, lui secondo me è morto proprio per fare politica. Se vedessi le fatiche che faceva.

PUCK: E' difficile immaginarsi una nuova personalità politica con lo stesso carisma di Berlinguer?

FRANCO TRINCALE: Non c'è un nuovo Berlinguer, perché non c’è nel contesto della società. La società ha degenerato il sociale., e da quel sociale nasce il politico. Se il sociale è inquinato, la politica è più inquinata ancora.
La politica corre sempre. Perché chi anticipa il cambiamento della società sono i cambiamenti del progresso tecnologico, e la società si trasforma generazionalmente. La politica sotto questa ottica non è altro che la frizione di un motore. Se guardi alla nascita del PD e all’attualità dei segretari, c’è sempre una situazione precaria. Non voglio tornare all’antica, ma se un partito è strutturato, e c’ha i suoi iscritti che lo eleggono, alla fine se è un partito che ci sa fare avrà i suoi simpatizzanti.
Ma il PD sembra essere perennemente nella fase di ricostruzione di un partito. Dopo le primarie vedremo davvero se l’accordo tra i tre candidati porterà a un programma unico, che dovrebbe essere di opposizione.

PUCK: Come vedi il movimento di Grillo?

FRANCO TRINCALE: Sinceramente io diffido da una situazione che nasce dal trascinamento populistico dell’artista. Io non mi reputo un artista, perché sono solo un uomo che canta e che ha maturato certe idee. E spesso il mio percorso si può identificare con certe idee di partito. Sono conscio di questo, e accetto anche di diventarne strumento, ma con il rischio poi di dovere accettare certi compromessi. Che se non accetti vieni tagliato fuori, ed è per questo che mi hanno fatto uscire dal PCI. C’erano certi compagni che telefonavano alla federazione e mi sconsigliavano: dicevano che ero brigatista, o addirittura fascista.

PUCK: Ti eri reso conto che il partito andava al di là degli interessi degli operai, e del suo potenziale elettorato…

FRANCO TRINCALE: Il problema era questo: se tu sei un militante devi rispettare lo statuto del partito. Ma un militante che è anche un artista, che sia un artista visivo o musicale o di poesia, e che porta consensi e che aiuta la lotta, va bene solo finchè è in linea con la politica del partito stesso.
Quando cominciai a partecipare alle lotte di movimento popolare, che nascevano spontanee e non erano più inquadrate in un discorso di sindacato o di partito, allora iniziarono i problemi.
Cominciò a crearsi un movimento autonomo, di operai e studenti, e non potevo non rendermi partecipe. E questo non per una mia semplice esigenza etica, ma proprio perché era la mia stessa coscienza a impormi questa mia partecipazione. Mi ribolliva il sangue.


Era il periodo dell’occupazione delle case, e c’era il caso clamoroso dell’occupazione in Via Tibaldi. In quella zona abbatterono delle case minime, dove vivevano gli operai, con la promessa di risistemarle e destinarle sempre ai lavoratori. Ma questa promessa non fu mantenuta, e le case vennero assegnate alla burocrazia comunale.
C’era quindi questo movimento per il diritto alla casa, e le case vennero occupate. E io supportai la lotta, cantando giorno e notte per gli occupanti.
Fino a quando venne autorizzato l’intervento della polizia, che caricò gli occupanti e, fatto gravissimo, un bambino (Massimiliano Ferretti, ndr) morì negli scontri.
Io scrissi per l’occasione questa ballata, te l’accenno:

“O compagno, lo sai che oggi
In Via Tibaldi, la polizia
Padri e bimbi ha cacciato via
Dalle case popolari
Quelle case che il comune
Costruisce ma non da
Alla gente proletaria
Che quelle case han fabbricà"


Io vivevo la lotta, non solo cantando, ma la vivevo incarnata. All’indomani della carica della polizia, e di questi fatti gravi, si tenne un'assemblea al Politecnico. Era una assemblea organizzata dal movimento, e non era vista bene dai partiti. Per questo che scrissi una lettera a Berlinguer, dicendogli che un partito come il PCI non poteva non accogliere e condividere la lotta per il diritto alla casa.
La prima cosa che fece il funzionario Zanchi del PCI fu quella di mettermi in cattiva luce con Berlinguer.
Poi, quando intervenni all’assemblea, mi dichiarai fuori dal partito. Perché non potevo accettare di essere tesserato a un partito che non condivideva queste lotte. Non mi sentivo più rappresentato da nessun partito, se non dalla gente che lottava. Sai che cosa è successo? Mentre Il Manifesto pubblicò la notizia com’era, cioè che consegnai la tessera, L’Unità scrisse che la tessera invece la stracciai. È stata data una notizia fuorviante, per mettermi in cattiva luce.
Quindi faccio un appello pubblico: se qualcuno per caso l’ha conservata, questa tessera, che la tiri fuori!
Sulla mia coscienza posso giurarti (anche se io non amo fare i giuramenti, li fa anche Berlusconi, quindi sai che cosa cazzo vuoi che contano) che non stracciai nessuna tessera. Hanno cercato di dare al mio atto un significato diverso, perché nella realtà avevo rispetto del partito ma non mi sentivo più rappresentato.

Io ho sempre cantato dei disoccupati, delle lotte nelle fabbriche, della cariche della polizia. Sono quelli del partito che hanno trovato nelle mie canzoni una linea comune con i loro valori. Ma io ho sempre proseguito per la mia strada, e poi a un certo punto la mia linea non gli è più andata bene.

PUCK: Hai sempre sottolineato la diversità tra cantautore e cantastorie. In cosa consistono queste differenze? Anche il cantastorie Cicciu Busacca sottolineava spesso questa diversità tra i due ruoli.

FRANCO TRINCALE: Busacca, che oggi non c’è più, era l’originalità del cantastorie epocale che i tempi richiedevano. Lui era molto più anziano di me e diciamo che, se si può parlare di “scuola di cantastorie”, io ho iniziato una nuovo approccio più al passo coi tempi, che non erano più quelli di Busacca. Busacca, pur essendo molto bravo, era diventato più inattivo, e la colpa di questo ce l’ha in parte Dario Fo, perché con la sua proposta di collaborazione nei teatri (lo spettaccolo "Ci ragiono e canto", ndr) gli ha fatto lasciare la piazza in un momento in cui lui poteva ancora restarci, dato che la piazza accettava ancora generazionalmente il ruolo di cantastorie che lui era.
Busacca arrivava nella piazza e riusciva a tenere centinaia e centinaia di persone, ed era quella generazione del cambiamento tecnologico di cui ti parlavo prima. Eravamo al massimo all’invenzione del disco in vinile, e Busacca fu uno dei primi a vendere in piazza i dischi in vinile, quelli della storia del bandito Giuliano, scritti dal grande poeta Ignazio Butitta.


Una volta io e Busacca ci trovavamo a Torino. Non ricordo gli anni, ma fu l’ultima volta che io lo vidi, in occasione di una manifestazione dedicata a Garibaldi. Io feci una ballata dove facevo presente che Garibaldi massacrò a Bronte i picciotti siciliani, e ci fu una vera strage capeggiata da Nino Bixio. In questa versione presentai il Garibaldi mio, e si aprì una polemica tra me e lui. Lui mi diceva che ero un cantante, non un cantastorie. Perché cantavo come un cantante moderno, avevo dei tempi diversi rispetto a lui. Ma io non potevo, a Milano, cantare in un’ora una storia soltanto, perché non funzionava più, e c’era il rischio di non essere ascoltati. Lui mi definiva un cantante con la bella voce.
Ma come fai a Milano, a intrattenere la gente raccontando delle storie così lunghe?Poi, a sua volta, questa è stata la mia polemica tra la mia figura di cantastorie e quella dei cantautori che spesso si definiscono cantastorie. Perché io il ruolo di cantastorie vero lo riconosco solo a Fabrizio De Andrè.
Poi, tra l’altro, il cantastorie non è solo l’approccio artistico, ma un mestiere vero e proprio, con le sue sofferenze nella strada. Non come un altro mio amico, bravissimo, che si chiama Mauro Geraci che fa per professione il professore universitario ed è anche cantastorie. Non soffre come un cantastorie di strada che deve acchiappare il pubblico, magari costringendosi a cantare “O’ sole mio”.
Io i cantautori li chiamo cantastorie laureati. E mi fanno male, quando si definiscono cantastorie.

Attraverso le mie lotte ho ottenuto dei posti di strada dedicati appositamente per i cantastorie a Milano. Vent’anni fa non esisteva la voce “cantastorie” neanche nel ministero dello spettacolo: nel permesso 121 di pubblica sicurezza c’era la voce “cantante ambulante”, non “cantastorie”.
Ed io mi rodevo, per questo.
.
PUCK: Ho letto, su uno dei tanti libri tuoi che mi hai regalato, una toccante ballata in siciliano dedicata a Luigi Tenco: "Luigi Tenco a Sanremo".

FRANCO TRINCALE: Ho scritto la ballata quando lui si è suicidato, perché è stato un fatto che ha colpito tutti. L’ho scritta in siciliano e questo è un fatto strano, perché certe cose mi richiamano le origini. La stessa ballata su Falcone, “Il Giudice coraggio”, l’ho scritta in dialetto.
Io credo che in questi casi, quando tocco il dialetto, ci può essere un tocco di poesia nelle mie canzoni. Perché non sempre le mie ballate sono poesia, ma lo diventano quando riesco ad entrare nel profondo dell’animo di quello che sento. Molte mie canzoni invece sono più cronachistiche, cioè cronaca cantata, come se le avessi scritte senza estrarre i fatti dal profondo.

PUCK: E pochi anni dopo la scrittura di questa canzone, nel 1970, risale l’iniziativa di boicottare il Festival di Sanremo con una contestazione artistica e pacifica.

FRANCO TRINCALE: Io ho fatto una protesta a Sanremo. D’accordo con il tizio della Fonola, gli ho proposto di contestare la situazione a San Remo. Gli proposi di farmi pagare dei manifesti a lutto dedicati all’anniversario della morte di Tenco. Li attaccai sui muri la notte prima della manifestazione canora. Poi mi sono messo a cantare in strada, a San Remo, ed è venuta pure la televisione a riprendermi. Pensa che quello stronzo che organizzava il Festival, Ezio Radaelli, mi ha mandato a chiamare e mi ha quasi minacciato. Ma io gli ho fatto un’altra sorpresa: Radaelli organizzava anche il Cantagiro, e lì c’era anche un girone di musica folk.
La persona che mi organizzava gli spettacoli alle feste dell’Unità, che gestiva anche il gruppo dei Camaleonti, propose a Radaelli questa condizione: se tu vuoi i Camaleonti Cantagiro, nel girone folk ci devi mettere Trincale. Lui disse di sì, ma poi si rimangiò la parola. E quindi decidemmo di fargliela pagare.
Stampammo dei volantini, denunciando il fatto che lui prendeva solo gli artisti che avrebbero pagato per esibirsi, ed era un fatto vero perchè se avessi pagato mi avrebbe preso. Tutte queste cose erano scritte nel volantino.
L’organizzatore delle feste dell’Unità mi ha mandato i biglietti di invito per l’anteprima del Festival di Sanremo all’Ariston. Io ci sono andato, mi sono messo in galleria, ho chiamato i giornalisti dell’ANSA e li ho avvisati di una mia operazione di contestazione. Quando è arrivato Radaelli, ho lanciato i volantini in diretta, e fatto un bel casino.

PUCK: Nel nostro ultimo incontro hai parlato della tua necessità di scrivere pezzi intimisti. Puoi parlarci di questo tuo nuovo progetto, e darci qualche anticipazione? Quando sarà pronto?

FRANCO TRINCALE: Ho solo una ballata in cantiere, non un vero e proprio progetto. Io mi sono ritirato. Sono pensionato, e non voglio fare l’ipocrita. Quando mi è stata riconosciuta la Legge Bacchelli, per la prima volta storicamente data a un cantastorie artista di strada, con la specificità per avere coniugato l’arte nobile del cantastorie con le lotte dei movimenti sociali, mi sono ritirato.
Nella realtà è uno stato di bisogno che ho prospettato con una lettera, una richiesta all’allora Presidente Ciampi. Gli ho scritto questa lettera con il cuore in mano, perché la mia pensione e quella di mia moglie non mi garantivano un futuro.
Le istituzioni mi hanno proposto per la legge Bacchelli e fortunatamente, prima che cadesse il governo Prodi, me l’hanno approvata.
Oggi come oggi ho acquisito la mia serenità. Mi concedo giusto la “Fiera degli Oh, bei, Oh, bei”, dove mi esibisco ancora come per dire ai milanesi che il loro cantastorie è ancora lì con loro.
Poi ogni tanto faccio qualche serata. A breve terrò un concerto per delle giornate anti-mafia.
Voglio farti sentire questa ballata che ho ripreso, apposta per l’occasione.

(Franco Trincale imbrccia la chitarra e canta):

…la mafia ammazza chi ci piace e pari
La mafia c’ha potere e capitali
La mafia è un’industria attiva
Che storce i soldi e li sa riciclar
…la mafia è tutta gente di rispetto
La mafia non è più ‘a coppola storta
La mafia cammina in doppio petto
La mafia c’ha le chiavi di ogni porta
La mafia è qua e là, cari signori
Sta nel silenzio in cambio dei favori
La mafia non perde mai la corsa
La mafia è quotata pure in borsa
La mafia c’ha delle intelligenze
La mafia si compra le coscienze
La mafia è incarnata nello stato
Dove l’onesto viene assassinato
La mafia sta dentro gli apparati
Coi loro insospettabili piazzati
La mafia è pure in quel palazzo là
Dove c’è scritto giustizia ci sta!

La mafia è sempre esistita nella situazione dell’entroterra dei feudi e dei feudatari, che se ne servivano come braccio armato. Negli anni dello sbarco degli Alleati, mentre nel nord si lottava con i partigiani, in Sicilia non c’è stata una vera Resistenza: è stata la mafia a preparare il terreno allo sbarco americano, garantito dalla mafia attraverso personaggi che avevano un ruolo ben preciso. Nella realtà poi si aprì una situazione di ristabilimento delle regole, e finita la guerra si espresse un governo antifascista costituito anche dai comunisti. Ma la riforma agraria proposta dal governo, e dai sindacalisti, non era ben voluta dai padroni e dalla mafia. E per questo fu assoldato Salvatore Giuliano.

PUCK: Quando ci siamo conosciuti era in pieno atto una censura nei tuoi confronti organizzata dal sindaco Albertini per farti allontanare dalle strade di Milano, e dal tuo contatto diretto con la gente, a causa delle tue ballate contro Berlusconi.

Ma questo non era il primo caso di censura. Guardando il tuo archivio storico si leggono articoli che parlano di continui scontri con le forze dell’ordine: il caso eclatante fu quando le forze di polizia interruppero il tuo concerto del 1970 ...



FRANCO TRINCALE: Era il Festival Pop Folk di Palermo. Di italiani c’eravamo io, Rosa Balistreri e, stranamente, Little Tony.
Io avevo preparato la ballata sui morti di Avola e quella su Pinelli. Era un festival organizzato da un italoamericano, e c’erano artisti del calibro di Duke Ellington e Aretha Franklin. Io cantavo la canzone de L’Orologio del Dott.Guida”, un questore di Milano, mezzo fascista.
La canzone faceva così:

L'orologio del dottor Guida
s'è fermato a quei tempi là;
lui lo porta sempre al polso,
non lo vuole riparar,
non lo vuole, non lo vuole, non lo vuole riparar.
Le lancette si son fermate
quando cadde l'oppressore:
il fascismo fu abbattuto
ma rimase il buon questore,
ma rimase, ma rimase, ma rimase il buon questore.

Le autorità locali mi interruppero il concerto, e minacciarono di arrestarmi. Alla fine il pubblico insorse e non mi arrestarono. Gli organizzatori, per riparare la situazione, mi convinsero a tornare a fine serata per un abbraccio riparatore con Duke Ellington.

PUCK: Oggi è difficile pensare a una reazione di quella portata: il pubblico è meno partecipe, e gli artisti sembrano meno incazzati rispetto a un tempo…

FRANCO TRINCALE: È una situazione di staticità, ma che non può durare a lungo: il problema del precariato, con il prossimo cambio generazionale, quando i giovani non potranno più campare sulle famiglie, può sfociare anche in sbocchi violenti. E quando c’è la violenza c’è anche l’esasperazione che tiri fuori dall’animo, ed è da lì che nascono le forme d’arte più spontanee...in questo ho fiducia: l’arte che nasce spontanea come un fiore in mezzo alla zozzeria.

giovedì 22 ottobre 2009

PUCK intervista FRANCO TRINCALE!

Sabato 24 ottobre (e solo ed esclusivamente per questo giorno!) Puck il Nano intervisterà il Cantastorie Franco Trincale, simbolo della canzone di protesta e da anni amico e collaboratore della nostra rivista.
Una corposa intervista TUTTA A FUMETTI, per ripercorrere la carriera artistica di una delle voci più importanti del dopoguerra.

Fate largo alle vostre coscienze disorientate! I vostri rivoluzionari di fiducia vi aspettano sul quotidiano Liberazione, tra le pagine del numero 218 di FRIGIDAIRE - nuova edizione popolare d'elite.

A prestissimo, companeros!

domenica 11 ottobre 2009

Roger Corman testimonial di PUCK!

Il grande Roger Corman, maestro del cinema horror, il corrispettivo cinematografico di Edgar Allan Poe, regista di attori come Vincent Price, e Boris Karloff, autore di autentici capolavori come "Sepolto Vivo", "Il pozzo e il pendolo", "The TRIP", "La piccola bottega degli orrori", testimonial d'onore per PUCK! , la rivista delle bassezze gratuite.

Cazzo! Roger Corman! Una delle mie principali fonti di ispirazione: gran parte del mio immaginario macabro lo devo proprio alle sue pellicole visionarie. Sinceri film di paura e pura ossessione, fatti con poco budget e grandi attori. Altro che le stronzate di horror patinati che ci rifilano oggi al cinema.

venerdì 9 ottobre 2009

Giù le mani da Frigolandia!

Mancano pochi giorni alla pubblicazione, su questi canali, della seconda e ultima puntata dell'Aztrokitifk & Mario Show, il mio cartoon in stop motion realizzato assieme al collettivo Mamma Fotogramma. La puntata si intitola "Aztrokitifk & Mario si danno al crimine!" e la vedrete presto, qui su "Processate le Visioni".
Nel frattempo, ricevo dall'amico Vincenzo Sparagna questo importante annuncio all'umanità intera.
E lo diffondo, con tutta la solidarietà mia e del Nano.
--------------------------------------------------------------------------------
"Giù le mani da FRIGOLANDIA!"
(di Vincenzo Sparagna)
.
"Con un’iniziativa giudiziaria condotta in modo semiclandestino, usando per le notifiche un vecchio indirizzo legale dove non c’è mai nessuno, la giunta “democratica” del Comune di Giano dell’Umbria ha chiesto (e ottenuto a nostra insaputa !!!) lo sfratto di Frigolandia (terra di Frigidaire e Prima Repubblica Marinara di Montagna) dal Parco della Colonia (affittato nel dicembre 2005 con tanto di fidejussione a garanzia). La notizia ci è arrivata a cose “fatte”… con un atto di precetto finalmente notificato nella vera sede di Frigolandia, che è stata ed è sempre aperta. Bisogna anche precisare che il “ritardo” nel pagamento dei 9.000 euro scaduti è stato causato dalla originaria promessa (mantenuta solo nel 2006) di un aiuto comunale a Frigolandia pari almeno all’affitto annuo… Eravamo insomma in attesa di un sostegno amichevole dopo la vittoria della lista “democratica” alle elezioni comunali e ci siamo trovati lo sfratto! Ma perché questa apertura di ostilità? Quali sono le reali intenzioni degli amministratori gianesi?
Per ora non abbiamo risposte certe. In una riunione alla presenza dei rispettivi avvocati svoltasi ieri 5 ottobre, sindaco e assessori presenti hanno balbettato strane scuse, come il “non gradimento” della popolazione di Giano, dimostrata secondo loro dalla vecchia raccolta di firme di protesta orchestrata da Forza Italia e AN dopo la conferenza stampa di Oreste Scalzone nel febbraio 2007 (conferenza perfettamente legittima alla quale fu presente anche il sindaco che era stato avvertito alcuni giorni prima…), insomma pseudogiustificazioni per una decisione che è lecito sospettare sia originata da progetti speculativi inconfessabili. Oltretutto la stessa idea che l’arte e il pensiero debbano adeguarsi agli umori popolari (per giunta di un paese di soli 3000 abitanti) è aberrante. Forse che in Germania all’epoca di Hitler bisognava diventare antisemiti, perché tale era il sentimento della maggioranza della popolazione? E’ possibile per un “democratico” sostenere che a Frigolandia (la terra di Frigidaire) non si abbia il diritto di coltivare opinioni controcorrente? Dove andremo a finire se anche il PD chiede a tutti di diventare degli infami “minzolini”?
Comunque in attesa di capire cosa si nasconde dietro questo attacco “democratico” all’arte e all’informazione libera è ormai urgentissimo pagare gli affitti scaduti per chiudere almeno il risibile e sleale “casus belli” di questo sfratto a sorpresa.
Pertanto facciamo appello a tutti i veri democratici, amiche e amici, compagne e compagni, concittadine e concittadini immaginari, gianesi, umbri, italiani, europei ed extracomunitari, perché si mobilitino a sostegno di Frigolandia. Si tratta di difendere non solo la libertà della cultura, ma anche un pezzo della verde Umbria minacciata dall’orrore di possibili speculazioni cementizie.
Se siete d’accordo fate sentire la vostra voce inviando messaggi in difesa di Frigolandia al sindaco di Giano dell’Umbria (
paolomorbidoni@tin.it), ma – soprattutto – inviate subito denaro a noi per pagare gli arretrati e sostenere le pesanti spese di questo atto di arroganza di un potere locale cieco almeno quanto quello nazionale. Sono preziosi anche contributi minimi, ma chi vuole può cogliere questa occasione per rinnovare in anticipo per il 2010 o sottoscrivere per la prima volta il Passaporto di Frigolandia (100 euro), che dà, tra le varie cose, diritto a un soggiorno gratuito di sette giorni in questo luogo bellissimo che vi chiediamo di difendere insieme a noi.
.
Potete versare il denaro in due modi:
-sul c/c postale n.71802482, intestato ad Associazione Repubblica di Frigolandia, Località La Colonia, 06030 Giano dell’Umbria (PG)
-con un bonifico sul conto bancario della Frigolandia s.r.l., società titolare della convenzione con il Comune. Codice IBAN: IT 18 P063 1538 3400 0000 0080451 "
Vincenzo Sparagna

lunedì 5 ottobre 2009

Franco Trincale testimonial di PUCK!

Il grande Franco Trincale, Cantastorie, artista di strada e per decenni sincera Voce di Protesta delle lotte operaie e studentesche, testimonial d'onore per "PUCK!", la rivista delle bassezze gratuite.

Sono molto legato a Franco. La nostra amicizia e collaborazione è attiva dal lontano 2001, quando lo intervistai per il numero 2 di The Artist. Da quel momento Trincale accettò di curare, periodicamente, su tutti i numeri della rivista, una rubrica fissa intitolata "L'Angolo del Cantastorie". Qui sono raccontate le sue impressioni sul mondo politico e sulla sua arte di strada.
Ci tengo moltissimo a questa collaborazione, senza la quale la mia rivista non sarebbe la stessa. Tant'è che nel travagliato passaggio da "The Artist" a "Puck!" quella di Franco è stata una delle prime firme che ho chiamato per animare la nostra neonata pubblicazione.
--------------------------------------------------------------------
E visto che il momento è propizio, annuncio una NOTIZIA BOMBA:
Hurricane Ivan, Puck il Nano e Franco Trincale approdano su Frigidaire!

Già. Sul prossimo numero di Frigidaire, il 218, in vendita il giorno sabato 24 ottobre con il quotidiano Liberazione, sarà pubblicata una esclusiva INTERVISTA A FUMETTI a FRANCO TRINCALE.
E lancio per l'occasione una iniziativa: avete delle domande da rivolgere a Franco Trincale? Curiosità sul suo percorso artistico e politico? Scrivete a: lagoladipuck@email.it . Le più interessanti verranno prese in considerazione da Puck il Nano e diventeranno parte integrante del fumetto.

Fatevi sotto, precari!

mercoledì 30 settembre 2009

Aztrokitifk & Mario peggio di Houdini!


Ladies and gentleman, dagli archivi polverosi del vostro Hurricane, presentiamo in anteprima assoluta per i lettori di "Processate le Visioni" un filmato fino a ieri andato perduto: "Aztrokitifk & Mario peggio di Houdini!".
Si tratta della primissima puntata di un format televisivo mai andato in porto: lo sgangherato "Aztrokitifk & Mario Show".

Questo primo esperimento per la televisione venne registrato tutto in una cantina, e una parte del set prese fuoco durante la lavorazione. Un'altra, invece, si allagò con l'alluvione.
Ma all'epoca Aztorkitifk & Mario erano ancora due stelle del vaudeville in gran forma e pieni di speranza: durante le pause firmavano autografi alle ammiratrici e giocavano a poker con Buster Keaton. Aztrokitifk si sottoponeva ad interminabili sedute di plastica facciale, e Mario ipnotizzava le cameriere nella sua macabra camera d'albergo.

Era un'epoca d'oro, quella. Gli anni del declino artistico sarebbero arrivati soltanto più tardi, quando Aztrokitifk si iscrisse a Scientology.

"Aztrokitifk & Mario peggio di Houdini!"

Soggetto, Sceneggiatura e Regia: Ivan Manuppelli.
Aiuto regia
: Marco Falatti.
Animazioni: Marco Falatti, Federico Della Putta, Alessandro Ferrari.
Scenografie:
Ettore Tripodi & Giulio Masotti.
Aiuto scenografo: Lorenzo Nunzella & Alessandro Ferrari.
Post Produzione: Adriano Macchitella & Andrea Ieri.

La voce di Aztrokitifk in questo episodio è di Federica Stefani.

Musiche affidate allo spettro di Cab Calloway.

lunedì 28 settembre 2009

Aztrokitifk & Mario Show

COMUNICATO IMPORTANTE!

Aztrokitifk & Mario, i due improbabili mattatori della televisione postapocalittica, la peste bubbonica del tubo catodico, sono finalmente svincolati da ogni tipo di contratto televisivo e hanno così deciso di condividere con voi le loro avventure online.
.
Dopo avere visto le porte di ogni network chiudersi a chiave, dopo essersi immolati alla Crisi Economica, e alla Febbre Suina, dopo essersi entrambi sposati con Victoria Beckham, i nostri eroi si sono ufficialmente arresi all'evidenza più bieca e si sono fatti portavoce della condivisione globale.
.
Ed è proprio grazie al loro disastroso fallimento commerciale che tra poche ore, sugli schermi di "Processate le Visioni", verrà messo in onda il primissimo episodio pilota della serie.
.
Si intitola "Aztrokitifk & Mario peggio di Houdini!" ed è stato rispolverato per l'occasione dai nebbiosi archivi del duo. Si tratta del loro primo esperimento per la televisione, girato artigianalmente in una cantina, e completamente privo di dialoghi. Le musiche sono state affidate allo spettro di Cab Calloway.
.
A seguire (sempre sugli stessi canali) verrà pubblicata la loro seconda chance, quella che i pochi irriducibili fans considerano il loro vero asso nella manica: "Aztrokitifk & Mario si danno al crimine!", un kolossal di 4 minuti che -a dispetto delle spese sostenute- si rivelò un completo flop dal punto di vista economico, costituendo per la coppia l'inizio di una terza carriera tutta a base di debiti con la mafia, ansia sociale e consumo di barbiturici.

sabato 19 settembre 2009

Gerry Bruno testimonial di PUCK!

Il grande Gerry Bruno, leader indiscusso dei Brutos, primo portavoce del rock'n roll demenziale nel mondo, compagno di sbronze di Elvis Presley nonchè l'unico uomo con un dente solo ad essersela spassata con centinaia di donne bellissime, testimonial d'onore per la rivista PUCK!
E assieme alla foto c'è la conferma di una NOTIZIA BOMBA: Il fondatore dei Brutos curerà personalmente una nuova rubrica tra le pagine del Nano, e qui verranno svelati particolari piccanti e assolutamente inediti sulla burrascosa vita del gruppo.
Siete pronti a cavarvi gli occhi?
Rimanete sintonizzati, il nuovo numero di "PUCK!" è già in cantiere.

martedì 15 settembre 2009

Tonino Carotone testimonial di PUCK!


Il grande Tonino Carotone, maestro dell'ora brava, si è unito alla Causa prestandosi come testimonial d'onore per PUCK! - la rivista delle bassezze gratuite.

Siete pronti a cavarvi gli occhi?
E' un mondo difficile, è vita intensa, felicità a momenti e futuro incerto.

domenica 13 settembre 2009

Puntata numero sette: MATTEO GUARNACCIA!

Che cosa rimarrà della nostra debole generazione di fumettari?
Che ricordo lasceremo ai nostri pronipoti? Sopravviveremo alla Crisi?
E soprattutto: avremo un necrologio degno di Walt Disney?
Niente panico, .
Da lunedì 7 settembre, per 7 giorni consecutivi,
in anteprima assoluta su queste frequenze
(e presto sulle pagine del nuovo Collettivomensa)
un occhio esclusivo nella palla per predire il futuro:
.
NON SI ESCE VIVI DALL'UNDERGROUND!
Breve carrellata futuristica
sull'editoria indipendente italiana
.. .
."Come verranno ricordati i nostri eroi quando le loro carcasse faranno la gioia dei vermi?"
.
MATTEO GUARNACCIA: Mistico. Unico vero portavoce della cultura hippie nel nuovo millennio, artista eclettico e visionario, sparisce in circostanze misteriose dopo una lunga serie di conferenze sullo spiritismo trascendentale degli indiani d’America. Voci indiscrete dicono di avere avvistato il suo spirito aggirarsi nella Nuova Isola di Wight, assieme agli ectoplasmi di Albert Hoffman e Jimi Hendrix.
.
Questa era l'ultima puntata, e dato che è domenica concludiamo con un tocco mistico. A brevissimo: un super testimonial d'onore per PUCK!

venerdì 11 settembre 2009

Puntata numero sei: LE SERPI IN SENO!

Che cosa rimarrà della nostra debole generazione di fumettari?
Che ricordo lasceremo ai nostri pronipoti? Sopravviveremo alla Crisi?
E soprattutto: avremo un necrologio degno di Walt Disney?
Niente panico, .
Da lunedì 7 settembre, per 7 giorni consecutivi,
in anteprima assoluta su queste frequenze
(e presto sulle pagine del nuovo Collettivomensa)
un occhio esclusivo nella palla per predire il futuro:
.
NON SI ESCE VIVI DALL'UNDERGROUND!
Breve carrellata futuristica
sull'editoria indipendente italiana
.. .
."Come verranno ricordati i nostri eroi quando le loro carcasse faranno la gioia dei vermi?"
.
LE SERPI IN SENO: Spie russe. Nate come apprezzatissime illustratrici, si rivelano geniali ambasciatrici dello spionaggio sovietico. Nel 2020 si scopre come le loro illustrazioni ermetiche nascondessero in realtà messaggi politici precisi. Dichiarate “Nemiche dello Stato” dal governo D’Alema-Berlusconi, le loro opere vengono bandite. Dopo il carcere, si danno al Neo Manierismo Astratto.

Ultima puntata: un'icona psichedelica